[Salta al contenuto]
Molti eventi sul Lago di Como sospesi per ordinanza sulle chiusure per il Coronavirus

Molti eventi sul Lago di Como sospesi per ordinanza sulle chiusure per il Coronavirus


Avvisiamo che gli eventi programmati sul Lago di Como potrebbero subire variazioni o annullamenti a causa dell'ordinanza regionale per il coronavirus. Vi invitiamo a contattare direttamente gli organizzatori per maggiori informazioni riguardo ai singoli eventi.

Alle ore 20:00 di domenica 23 febbraio, la Regione Lombardia ha diffuso l’ordinanza che rende note una serie di interventi sulle attività pubbliche in tutta la regione per ridurre le possibilità di contagio.

L’ordinanza, presentata dal Presidente della Regione e dal Ministero della Salute, estende a tutta la regione (zona gialla) alcune disposizioni adottate già in alcuni comuni (zona rossa), disposizioni che avranno validità fino a domenica 1 marzo, e prevedono la chiusura di scuole, musei, cinema e dei bar e locali notturni dopo le 18:00.
Fatto salvo per i Comuni di Codogno, Casalpusterlengo, Castiglione d’Adda, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano, per il restante territorio della Regione Lombardia valgono le disposizioni contenute alle lettere c), d), e), f) ed i) dell’articolo 1, comma 2 del decreto legge 22 febbraio 2020, n. 6 ovvero:

  • c) la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;
  • d) chiusura dei nidi, dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per gli anziani a esclusione di specializzandi e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza;
  • e) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei, dei cinema e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti e luoghi;
  • f) sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia estero;
  • i) previsione dell’obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Lombardia da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;

Il Presidente della Regione Lombardia in accordo con il Ministro della Salute, potrebbero modificare le disposizioni di cui alla presente ordinanza in ragione dell’evoluzione epidemiologica.

La presente ordinanza ha validità immediata e fino a domenica 1 marzo 2020 compreso, fatte salve eventuali e ulteriori successive disposizioni.

A questo link l’ordinanza completa pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana →

Chiarimenti →

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sugli eventi della settimana! Iscriviti