[Salta al contenuto]

Festival della Luce 2019

Festival della Luce 2019


Il Festival della Luce si riallaccia alla tradizione scientifica di Como, città natale di Alessandro Volta che, con l’invenzione della pila, ha aperto la strada non solo alle innumerevoli applicazioni dell’elettricità, ma all’intero mondo moderno in quanto complesso di tecnologie e saperi che vanno dall’energia, alla comunicazione e all’automazione, fino all’informatica e alle sue sconfinate applicazioni.

Il Festival è organizzato dalla Fondazione Alessandro Volta e promosso e sostenuto dall’Associazione Città della Luce.

Nell’Anno Internazionale della Luce 2015 – proclamato dalle Nazioni Unite – il Lake Como – Festival della Luce 2015, giunto allora alla sua terza edizione, ha ricevuto l’Alto patrocinio dell’UNESCO, della Società Europea di Fisica e della Società Italiana di Fisica.

In forza del grande successo registrato dall’Anno internazionale della Luce – l’UNESCO ha dichiarato il 16 maggio Giornata Internazionale della Luce (IDL), che si celebra ogni anno anche a Como con un evento organizzato dal Lake Como – Festival della Luce insieme con la Fondazione Alessandro Volta, la European Physical Society, la Società Italiana di Fisica.


Edizione 2019

Giunto alla sua sesta edizione, il Festival della Luce Lake Como (3-23 maggio 2019) si annuncia ricco di eventi nel cuore della città (ma non solo), tutti cuciti dal filo d’argento del Chiarodiluna (titolo scelto appunto quest’anno).

Splendidi i luoghi in cui si svolgeranno i diversi eventi, tra i quali il Teatro Sociale e la Sala Bianca del Sociale, il magico Ninfeo del Museo Civico Paolo Giovio di Como per il concerto di fisarmonica in elettronica di Sara Calvanelli e anche qualche sede esterna, come il Teatro Nuovo di Rebbio e Villa Imbonati di Cavallasca, grazie alla collaborazione con il Comune di San Fermo.
A inaugurare il Festival, il 3 maggio, ben tre eventi si concateneranno: l’apertura della mostra La Luna all’Università dell’Insubria; l’inaugurazione della mostra Luna di Seta al Museo della Seta di Como, con le foto lunari di Edoardo Romagnoli e le loro stampe su seta. Infine il primo degli incontri e conferenze Luna e Psiche. Dal mito della licantropia alla ricerca sugli effetti dei cicli lunari su corpo e mente nella Biblioteca Civica “P.Borsellino”, con lo psichiatra Roberto Cavallaro (Università Vita e Salute del San Raffaele di Milano) e il neuroscienziato Gianvito Martino (direttore scientifico Ospedale Vita e Salute del San Raffaele di Milano).
Il consueto appuntamento con la grande scienza internazionale sarà quest’anno davvero speciale: il 5 maggio il Festival della Luce ospiterà l’astrofisica britannica Jocelyn Bell Burnell, scopritrice della prima stella pulsar, nel 1967, ancora giovane dottoranda.

Il cuore degli eventi del Festival batterà anche quest’anno con la Giornata Internazionale della Luce, organizzata attraverso la collaborazione con l’UNESCO e la Società italiana di Fisica: una serata di scienza e spettacolo al Teatro Sociale, che vedrà anche l’annunciata partecipazione della seconda carica dello Stato, presidente del Senato On. Maria Elisabetta Alberti Casellati, omaggiata dalle note di un notissimo pianista. La serata ospiterà inoltre una conferenza spettacolo del fisico Alessandro Bettini che trasporterà il pubblico nel Rinascimento di Galileo Galilei, con il diario delle sue scoperte astronomiche e musica dell’epoca.

Concluderà il Festival un charity dinner dedicato a Fondazione Cometa che, con le attività di formazione e accompagnamento di bambini e ragazzi, svolge da anni in Como una preziosa attività di contrasto al disagio giovanile.

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sugli eventi della settimana! Iscriviti