[Salta al contenuto]

Inaugurazione Casa Rurale, Fornace Galli


Il Comune di Grandola ed Uniti in collaborazione con Associazione Storia Natura e Vita organizzano per domenica 16 giugno ore 10:30 l’inaugurazione della Casa Rurale del complesso ecomuseale Fornace Galli, seguirà rinfresco.

Consegna Costituzione ai neo diciottenni e alle 17:30 esibizione dei Galletti in Villa Camozzi.


Fornace Galli

La Fornace Galli è forse l’esempio più rilevante – e certamente il meglio conservato – di archeologia pre-industriale del territorio della Val Sanagra. Lo sfruttamento delle risorse naturali è sempre stata una necessità vitale per gli abitanti della valle, così come la corrente del fiume era la principale fonte di energia.

Le origini sono seicentesche, quando tutta la vita del paese ruotava attorno all’attività produttiva dei mulini; la proprietà era della famiglia Guaita. Nel primo Ottocento passò prima a Gilardi e Colombi, quindi alla famiglia Camozzi, originaria di Como. Nel 1846 lo stesso Camozzi vendette nuovamente la manifattura a Giacomo Guaita, e la famiglia la mantenne per alcuni anni. Qualche anno dopo, nel 1858, il complesso venne acquistato da Francesco Selva, residente a Menaggio ma possidente a Grandola. Nel 1875 la Fornace venne infine acquistata da una famiglia originaria della Val Colla, in Svizzera: i Galli, da cui l’attuale nome.

La fornace era un centro produttivo notevole, e tantissimi edifici delle zone limitrofe – e anche più lontani – sfruttavano i mattoni prodotti in Val Sanagra.

L’attività produttiva terminò in un’epoca relativamente recente: qualche anno dopo il termine della Seconda Guerra Mondiale, quando lo sviluppo industriale della Penisola – soprattutto quello della vicina Brianza – ha favorito la nascita e la crescita di numerosi competitori dotati di insormontabili vantaggi tecnici e di trasporto.

Recentemente la fornace è stata oggetto di forti restauri che ne hanno in parte modificato l’aspetto; si tratta di lavori intrapresi all’interno di una vasta serie di progetti di rilancio e sviluppo territoriale tra i quali si inserisce anche l’Ecomuseo della Val Sanagra. L’obiettivo è di rendere visitabile e fruibile in senso didattico – esperienziale il rinnovato sito archeologico; l’intenzione dei progettisti, infatti, è stata quella di restaurare, o ricreare quando necessario, i vari segmenti del processo produttivo e le attività ad esso collaterali.

Altri eventi

Spiacenti, al momento non ci sono Eventi in corso o in programma

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sugli eventi della settimana! Iscriviti