[Salta al contenuto]

A due voci 2019

A due voci 2019


Il Festival A due voci giunge alla sesta edizione con un programma interamente dedicato a Friedrich Nietzsche e al suo legame profondo con la musica vissuta come filosofia.

Un calendario di proposte che si articoleranno lungo l’arco di sedici giornate dedicate al cinema, alla musica e alla danza e al loro rapporto con la filosofia.


Nietzsche: la musica come filosofia

La musica occupa interamente i centri vitali del pensiero filosofico di Nietzsche. È raro che riesca a godere di un’opera figurativa e tutto ciò che non si lascia cogliere in termini musicali gli procura «addirittura un senso di nausea e di ripugnanza» (EP II, 177). «Forse, non c’è mai stato un filosofo che fosse, au fond, musicista quanto lo sono io» (EP V, 930) scrive un anno prima della follia. Una vicinanza alla musica ribadita anche nei momenti di maggior amarezza: «non conosco più nulla, non sento più nulla, non leggo più nulla: e malgrado tutto ciò non c’è niente che, propriamente, mi interessi di più del destino della musica» (EP V, 930).

Solo alcuni esempi che testimoniano come per Nietzsche la musica sia indissolubilmente intrecciata al suo pensiero filosofico, sia un’esperienza sensibile che già contiene in sé un sapere ancestrale, una rivelazione di verità dove, a credere all’emozione musicale, tutto sembra già scritto.

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sugli eventi della settimana! Iscriviti

Con la partecipazione del Distretto dell’attrattività Turistica del Centro Lario e dei seguenti Comuni: